Marco Olivieri

Home » Biografia

Biografia

(…) così è ben raro che uno di noi abbia il coraggio della sua originalità, e non si applichi invece a rassomigliare ai modelli più vantati (M. Proust, I Guermantes)

Mi chiamo Marco Olivieri. Sono nato a Messina e sono giornalista professionista e Dottore di Ricerca in Storia delle dottrine politiche.

Dal 2020 addetto stampa e Social Media Manager di Marlin editore.

Nel periodo giugno 2020-gennaio 2021 redattore di Day Italia News (Cronaca Palermo Reggio Calabria e Messina).

Scrittura, Editoria, Cultura e Spettacoli, Cinema e Letteratura, Politica e Società, Uffici Stampa e Direzioni artistiche sono le linee principali del mio impegno.

Critico teatrale e collaboratore di Spettacoli e Cultura per “la Repubblica – edizione di Palermo” (dal 2003), sono stato critico cinematografico del settimanale “Centonove” e sono direttore responsabile del Web Magazine “Carteggi letterari – Critica e Dintorni” (http://www.carteggiletterari.it/) e componente del comitato scientifico di “Carteggi letterari le edizioni“.

Dal 2003 svolgo attività di ufficio stampa e di direzione responsabile di testate nell’ambito della comunicazione sociale. Ho vinto il Premio “Giornalismo siciliano: l’addetto stampa dell’anno 2014” per la sezione No profit, come addetto stampa del Cesv – Centro Servizi per il Volontariato di Messina (ente per il quale ho lavorato dal 2003 al 2015), con la direzione responsabile della testata “Comunità Solidali” (2005-2015), prima cartacea e poi on line. Inoltre, ho curato l’Ufficio stampa per un candidato sindaco, risultato vincitore,  e per un partito politico, oltre a un’esperienza formativa all’ufficio stampa del ministero dei Lavori Pubblici.

Ho pubblicato per Olschki Editore su Jeremy Bentham e scritto per la testata “Outsider News” (http://www.outsidernews.net/author/marco-olivieri/), per “il Venerdì di Repubblica”, “Il Giornale di Sicilia” (cronaca, politica, società e cultura), “I Siciliani”, “Vita”, “Diari di Cineclub”, in esclusiva per il mensile “Ciak” (aprile 2016, dal set del film “Le confessioni”), per la testata di studi interdisciplinari “Cinema e Storia” (Rubbettino, 2016), per la rivista “Eidos – Cinema Psyche Arti Visive”, per “Doppiozero” (gennaio 2017, leggi qui), per il periodico on line «Luci e Ombre» e per la Scuola Nazionale di Cinema – Centro Sperimentale di Cinematografia (catalogo su Adolfo Celi), per «Quaderni del CSCI» 2020, Rivista annuale di cinema italiano, e per il volume Luci sulla città. Palermo nel cinema dalle origini al 2000.

Ho curato l’Ufficio Stampa dei film “The Elevator” di Massimo Coglitore (2014 e 2019 in Sicilia) e “A proposito di Franco” di Gaetano Di Lorenzo, della storica rassegna “Fotogramma d’Oro” (2016) e degli eventi di ApolloSpazioArte a Messina (2019) , e ho ideato un programma culturale (“Station”), per l’emittente Antenna del Mediterraneo, con interviste video a Elio, Sabina Guzzanti, Nadia Terranova, Lorenza Indovina, Maurizio Marchetti, e un programma di interviste politiche.

In particolare, sono intervenuto in conferenze universitarie nazionali e internazionali come relatore e sono autore del libro “La memoria degli altri. Il cinema di Roberto Andò” (Edizioni Kaplan, 2013 e 2017). Ho presentato in molte occasioni il volume assieme a R. Andò – compresi il Museo Nazionale del Cinema di Torino (Bibliomediateca “Mario Gromo”), l’Università Iulm di Milano e la Libreria del Cinema di Roma – con Marco Tullio Giordana, Gianni Canova, Alessandra Levantesi Kezich, Rosamaria Salvatore (Università di Padova), Sandro Volpe (Università di Palermo), Franco Prono e Silvio Alovisio (Università di Torino). Nel 2012 e nel 2014 sono intervenuto sul cinema di Andò all’Università di Yale, partecipando al settimo e nono Yale Festival of Italian Cinema.

Sono il curatore del libro “Le confessioni”, sceneggiatura di Roberto Andò e Angelo Pasquini (Skira, 2016). Il volume contiene le fotografie di Lia Pasqualino e, a cura mia, un commento critico, le interviste a regista e sceneggiatore del film e al protagonista Toni Servillo. Il libro edito da Skira è stato presentato il 14 giugno 2016, all’Auditorium del Palazzo delle Esposizioni di Roma, in un incontro da me moderato con Roberto Andò, Angelo Pasquini, Fabrizio Barca, Vito Mancuso, Salvatore Silvano Nigro e Toni Servillo.

Oltre alla versione aggiornata del volume per Edizioni Kaplan “La memoria degli altri. Il cinema di Roberto Andò” (http://www.edizionikaplan.com/book.php?id=133), adesso anche ebook (leggi), nell’aprile 2017 è stato pubblicato un nuovo libro ed ebook, per Rubbettino, scritto da me e da Anna Paparcone (Bucknell University): “Marco Tullio Giordana. Una poetica civile in forma di cinema” (http://www.store.rubbettinoeditore.it/cinema-radio-e-televisione/marco-tullio-giordana.html).

Foto di Davide Scimone

Dal 19 al 22 aprile 2017, all’annuale Conferenza sul cinema italiano dell’Indiana University, promossa dal professore Antonio Carlo Vitti, ho presentato in un simposio il cinema di R. Andò (ospite d’onore dell’ottava edizione), con un intervento sul tema Dal Manoscritto a Le confessioni: memoria e segreto nel cinema di Roberto Andò, e ho partecipato a una tavola rotonda sul cinema di M.T. Giordana in relazione al nuovo libro (leggi qui).

Io e Anna Paparcone – con il regista e il direttore della collana di Rubbettino Cinema Christian Uva (Università Roma Tre) – abbiamo presentato  “Marco Tullio Giordana. Una poetica civile in forma di cinema” al Salone Internazionale del Libro di Torino il 21 maggio 2017, nello Spazio Incontri, con un secondo momento nella Sala della Bibliomediateca “Mario Gromo” del Museo del Cinema di Torino, oltre al presentarlo al Taormina Film Fest  (leggi qui). Lunedì 27 novembre 2017, in collaborazione con la Cineteca Nazionale – Centro Sperimentale di Cinematografia,  abbiamo presentato invece il libro alla Casa del Cinema di Roma, alle 18.15, in un incontro moderato da Flavio De Bernardinis, dopo la proiezione (alle 16.30) del film per la Rai “Due soldati” di M.T. Giordana.

Tra le mie direzioni artistiche: “Messina ricorda Adolfo Celi” (2006); Rassegna cinematografica Sicilia – Yale (Università di Messina e di Yale, 2011-2012), ideata con Millicent Marcus (Yale University); “Cinema, lavoro, diritti” (2014, con la Cgil); “Francesco Rosi, un poeta della realtà” (2015, rassegna “La valigia dei sogni”); “III Corto Tendenza Festival” (2015), “Apollo Spazio Cinema. Il cinema e la letteratura siciliana”, promossa dall’associazione ApolloSpazioArte, alla Multisala Apollo di Messina (2019).

Infine, ho curato la pagina Facebook di R. Andò e curo quelle dedicate al mio testo edito da Kaplan e al libro pubblicato da Rubbettino.

Sono stato tutor, con incarico di docenza, per il corso “Seminare Domande. Educazione al cinema nelle scuole” negli Istituti superiori Fermi, Medi e Ferrari di Barcellona Pozzo di Gotto (2019) e autore della rubrica “Letture e Visioni” (2020) per Messina Web Tv.

Su Twitter @MarcoOlivieri16

https://www.instagram.com/marco.olivieri_70/

https://www.facebook.com/MarcoOlivieri.giornalistaeautore/?epa=SEARCH_BOX

Interviste e presentazioni su Youtube (R. Andò, M.T. Giordana, Elio, Sabina Guzzanti, Nadia Terranova, Lorenza Indovina):

https://www.youtube.com/channel/UCFlKeg-KOOVu1CKweUModjA

Terzo Settore:

https://www.youtube.com/results?search_query=cesv+messina+new

Prima di imparare a scrivere bene bisogna trovare se stessi (Svetlana Aleksievič, Premio Nobel per la Letteratura 2015).

Ci sono immagini mobili, con suono e luce, che non vengono mai tolte dal proiettore dell’anima ma continuano a scorrere ininterrottamente per tutta la vita con immutata chiarezza. È solo la propria comprensione che avanza continuamente e spietatamente verso il profondo, verso la verità. (Ingmar Bergman).

Non credo al giorno da leone, all’occasione che arriva e fa rifulgere una cometa per un giorno. Credo nello studio, nella disciplina, nel lavoro quotidiano, nell’umiltà con cui si affronta un mestiere (Toni Servillo)

Nella scrittura ciò che parla è il represso (Italo Calvino, Il castello dei destini incrociati).

0b53c8c


4 commenti

  1. Dorina Coman ha detto:

    COMPLIMENTI MARCO PER IL TUO LAVORO!
    ANCH’IO CREDO NEL LAVORO SODO, NELLA VITA COSTRUITA CON LE PROPRIE MANI, CREARSI IL PROPRIO POSTO DA SOLO, NELL’UMILTÀ’ E VOGLIA DI IMPARARE SEMPRE!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: