Marco Olivieri

Home » Uncategorized » Due nuovi libri e presentazioni al Salone internazionale di Torino

Due nuovi libri e presentazioni al Salone internazionale di Torino

21 maggio, presentazione del libro “Marco Tullio Giordana. Una poetica civile in forma di cinema” (Rubbettino 2017) di Marco Olivieri e Anna Paparcone al Salone Internazionale del Libro di Torino

Interverranno i due autori, il regista, il direttore editoriale di Rubbettino Luigi Franco e il direttore della collana di Cinema Christian Uva (Università Roma Tre)

In programma un secondo incontro alla Bibliomediateca “Mario Gromo” del Museo Nazionale del Cinema sempre domenica 21

Reduce da un intervento all’Indiana University, il giornalista e critico cinematografico Marco Olivieri sarà relatore pure all’International Conference on Mediterranean Studies di Erice (18 maggio) ed è presente al Salone del Libro di Torino anche con l’edizione aggiornata del volume “La memoria degli altri. Il cinema di Roberto Andò”  (Edizioni Kaplan 2013 e 2017)

 

Dall’Indiana University a Erice e Torino un impegno costante nel segno dell’analisi filmica e della scrittura. Già curatore del volume per Skira “Le confessioni” (sceneggiatura di R. Andò e Angelo Pasquini, fotografie di Lia Pasqualino, 2016), il giornalista professionista e dottore di ricerca messinese Marco Olivieri è autore di due libri: rispettivamente, per Edizioni Kaplan, “La memoria degli altri. Il cinema di Roberto Andò” (2013 ed edizione aggiornata 2017), e, scritto da lui e da Anna Paparcone (docente della Bucknell University, negli Usa, e autrice di numerosi saggi), “Marco Tullio Giordana. Una poetica civile in forma di cinema” (Rubbettino 2017). I due autori – con il regista, il direttore editoriale di Rubbettino Luigi Franco e il direttore della collana di Cinema Christian Uva (Università Roma Tre) – presenteranno il volume  sul cinema di Giordana al Salone Internazionale del Libro di Torino il 21 maggio, alle 14.30, nello Spazio Incontri. Seguirà un secondo incontro, alla Sala della Bibliomediateca “Mario Gromo” del Museo Nazionale del Cinema, sempre domenica, dalle 17.00, con il regista e gli autori. Il volume è dedicato alla memoria di Francesco Rosi.

Alcuni giorni prima di Torino, Olivieri aprirà i lavori dell’edizione 2017 dell’International Conference on Mediterranean Studies (Fifth International Conference on Mediterranean Studies. The Representation of the Mediterranean World by Insiders and Outsiders), giovedì 18 maggio, a Erice, con un intervento sul tema “Il cinema di Roberto Andò: un labirinto di memorie e segreti”.

In particolare,  il giornalista si occupa di cultura e spettacoli, cinema e letteratura, uffici stampa e direzioni artistiche, società e politica. È intervenuto in numerose conferenze in Italia (dal Museo del Cinema alle Università di Padova e Iulm di Milano) e all’estero (Yale University), con lezioni, interventi e presentazioni dei libri.

Di recente, in occasione dell’annuale Conferenza sul cinema italiano dell’Indiana University (19-22 aprile 2017), promossa dal professore Antonio Carlo Vitti, il critico cinematografico ha presentato in un simposio il cinema di Roberto Andò, ospite d’onore dell’ottava edizione. “The Eighth Annual Film Symposium on New Trends in Modern and Contemporary Italian Cinema features the work of filmmaker Roberto Andò” era il titolo della Conferenza. In primo piano un intervento sul tema “Dal Manoscritto a Le confessioni: memoria e segreto nel cinema di Roberto Andò”.

Inoltre, il giornalista ha partecipato a una tavola rotonda sul cinema di Marco Tullio Giordana, venerdì 21 aprile, organizzata da Anna Paparcone e animata da Fulvio Orsitto (University of California, Chico) e Gloria Pastorino (Farleigh Dickinson University).

Le schede dei libri

Marco Olivieri, Anna Paparcone

Marco Tullio Giordana. Una poetica civile in forma di cinema

Collana: Cinema

Rubbettino

Anno: 2017

Genere: Cinema e Media, Cinema

Pagine: 234

isbn: 9788849850192

 

Un viaggio cinematografico nella storia italiana, tra finzione e realtà, poesia e impegno.

Questo libro racconta il cinema di Marco Tullio Giordana evidenziandone il rapporto con la Storia, dal Fascismo alle rivolte sessantottine, dalla violenza negli stadi al fenomeno dell’immigrazione in Italia, dal terrorismo degli anni Settanta alla lotta contro le mafie. Un cinema civile che non rinuncia però a canoni espressivi frutto di un’approfondita riflessione estetica, di una passione accentuata per la letteratura e la musica e di un costante lavoro sullo stile filmico. La lezione di Gramsci si combina con la poetica pasoliniana in un cinema che mette in gioco rimozioni, desideri di rinascita e aneliti a una bellezza forse perduta per sempre.

Il volume è dedicato in memoria di Francesco Rosi.

Link: http://www.store.rubbettinoeditore.it/cinema-radio-e-televisione/marco-tullio-giordana.html

 

Marco Olivieri

La memoria degli altri. Il cinema di Roberto Andò

nuova edizione

Kaplan

Pp. 168, ISBN 978-88-99559-13-7, 32 immagini bn, € 16,00, fotografie all’interno del volume e in copertina di Lia Pasqualino

 

È disponibile la nuova edizione del libro di Marco Olivieri, La memoria degli altri. Il cinema di Roberto Andò (Edizioni Kaplan, Torino, 2013 e 2017), con un nuovo capitolo dedicato al film Le confessioni. Questa prima monografia dedicata al cinema di Roberto Andò illustra la peculiarità di un autore rigoroso che, da Diario senza date (1995) a Viva la libertà (2013) e Le confessioni (2016), ha costruito un percorso coerente e originale mettendo in scena la “memoria degli altri”, un intreccio appassionante di destini individuali e collettivi. Il libro contiene, oltre alle analisi dei singoli film, un’intervista con lo stesso regista, che ripercorre le tappe della sua vita e della sua carriera, e le fotografie di Lia Pasqualino.

In occasione della prima edizione, così si era pronunciato Marco Tullio Giordana: “Consiglio di leggere questo libro perché è una bellissima lettura che ti trasmette una grandissima voglia di capire tutti gli elementi che caratterizzano la poetica di Roberto Andò e i suoi tantissimi riferimenti culturali”. A sua volta, per Mario Calderale, critico di Segnocinema, “La memoria degli altri si discosta dalle monografie consuete sui registi instaurando un rapporto empatico col lettore”.

Link utili: http://www.edizionikaplan.com/; http://www.edizionikaplan.com/book.php?id=133.

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: